Luca Giacobbe

Luca Giacobbe suona un estratto da una nuova composizione per vibrafono

Un estratto dalla partitura

In questi giorni avrei avuto due prime assolute. Oggi sarebbe stato il turno di Le vrai vert de l’Espérance, rinviato a data da definirsi, ma la data rimane occupata per lo stesso scopo, ma con brano diverso. Luca Giacobbe Percussionista suonerà un estratto dal mio nuovo brano per vibrafono solo Il sentimento del tutto, una piccola riflessione sul sentimento del tedio.

Nella letteratura si è spesso trattato il tema del tedio. Leopardi, Flaubert, Pessoa, Moravia hanno scritto capolavori intorno questo sentimento. Non tutti ne condividono la positività, ma tutti sono concordi nel descriverla come la mancanza di qualcosa. La sensazione di vuoto, che ci ha attanagliato in questi giorni chiusi in casa, ha fatto sprofondare molti di noi in uno stato di noia esistenziale. In tempi meno sospetti, il filologo Simone Gelmini, dava una definizione esemplare del tedio:

“Pensare senza pensare, con la stanchezza di pensare; sentire senza sentire, con l’angoscia di sentire; non volere senza che non si voglia, con la nausea di non volere […]. È come essere posseduti da un demonio negativo, un essere preda di una stregoneria provocata da niente.”

da https://imalpensanti.it/2017/03/soares-pessoa-fenomenologia-del-tedio/

Da compositore ho cercato di esprimere questo pensiero che ci accomuna, come esseri umani. Da qui il titolo “Il sentimento del tutto”. Luca Giacobbe, in questo video, ne suonerà un estratto. Si tratta di un episodio quasi corale incorniciato in un brano più ritmico e contrappuntistici. Oltre la coralità, credo che una delle caratteristiche di questo momento del brano sia la ricorrenza di cellule musicali che non trovano mai un vero sviluppo all’interno del pezzo. Come degli embrioni che non raggiungeranno mai lo stadio della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.